Pubblicata dall’Organismo degli Agenti e  Mediatori la relazione annuale 2019 che fotografa la situazione del settore nel 2019, prima della contrazione dovuta all’emergenza sanitaria.

Dopo un’introduzione dedicata all’organizzazione dell’Organismo, la relazione prende in considerazione la situazione degli elenchi  evidenziando che al 31/12/2019 l’elenco degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi  vede  7.956 iscritti (- 596 rispetto al 2018) con  6.185 Agenti in attività finanziaria (78%),  1.486 Agenti nella Sezione speciale servizi di pagamento (19%)  e 285 Mediatori creditizi (3%). Di questi  7.154 sono  operativi (90%)  e  799 non operativi (10%). I collaboratori sono  16.227  (+ 1.413 rispetto al 2018) dei quali  6.556 in società di agenzia in attività finanziaria (40%),  5.786 in società di mediazione creditizia (36%) e  3.127 in società di agenzia nei servizi di pagamento (19%).

Il registro dei cambiavalute vede 104 iscritti con un incremento di 7 unità rispetto al 2018 ed il registro dei Compro oro 3.629 iscritti con un incremento di 526 unità.

Dalla comparazione dei dati emerge che, rispetto alla chiusura del 2018, la popolazione degli iscritti è diminuita di 596 unità (7%), di cui oltre l’80% costituito da iscritti non operativi. Tale decremento può in parte essere giustificato dall’applicazione di oltre 1.130 provvedimenti di cancellazione adottati dall’Organismo, di cui 316 per mancato pagamento dei contributi di iscrizione negli Elenchi, i quali hanno riguardato principalmente gli Agenti in attività finanziaria e nei servizi di pagamento (persone fisiche). Gli Agenti in attività finanziaria, sotto forma di persone giuridiche, hanno invece registrato un aumento (+19). Per quanto riguarda la categoria dei dipendenti/collaboratori degli iscritti, si registra complessivamente un deciso aumento di 1.413 unità, per un totale di 16.227 soggetti. Tale crescita ha riguardato tutti i settori: in particolare, la mediazione creditizia registra il maggiore incremento (+ 710), pari a circa il 50% dell’aumento totale registrato; le agenzie finanziarie, sotto forma di persone giuridiche, incidono per oltre il 30% (+447). Con riferimento ai soggetti cancellati dagli Elenchi nel corso del 2019, si conta un totale di 1.596 unità, in numero doppio rispetto a quanto registrato nel 2018 (765): mentre il numero di cancellazioni su istanza di parte è diminuito del 13% (536 nel 2018 contro 464 nel 2019), è invece aumentato in modo determinante (+394%) il numero di soggetti cancellati con provvedimenti dell’Organismo (per procedimenti in capo agli Uffici Elenchi, Vigilanza e Legale), passando da un totale di 229 nel 2018 a 1.132 nel 2019. Tali provvedimenti hanno riguardato principalmente le persone fisiche nelle categorie degli Agenti in attività finanziaria (per il 43%) e degli Agenti nei servizi di pagamento (per il 50%).

La relazione prosegue poi con una sezione dedicata alla vigilanza e al piano di attività per il 2020, argomenti sui quali avremo modo di ritornare.

OAM_Relazione_annuale_2019